Cashback di Natale, tutto quello che c’è da sapere

cashback

Al via il piano cashback di Natale, prima tappa del progetto Italia Cashless messo a punto dal Governo al fine di incentivare i pagamenti digitali. Il periodo di Natale è sicuramente il migliore per iniziare ad implementare tale piano, ma come funziona per i cittadini? Ecco una mini guida.

L’Extra Cashback di Natale prevede un 10% di rimborso (fino ad un massimo di 150 €) per coloro che effettueranno almeno 10 acquisti con carta digitale, nel periodo che va dall’8 al 31 dicembre. Gli acquisti validi saranno quelli effettuati in bar, ristoranti, supermercati e, ovviamente, negozi e centri commerciali, potendo così agevolare gli acquisti delle Feste. I pagamenti dovranno essere effettuati con carta di credito e bancomat, ma anche con Satispay, Google Pay, Apple Pay e Samsung Pay.

Per accedere al cosiddetto “bonus bancomat” è necessario iscriversi secondo una specifica procedura: mediante l’iscrizione all’App IO della Pubblica Amministrazione, che richiede tuttavia il possesso dello SPID (sistema pubblico di identità digitale) o della carta di identità elettronica, oppure attraverso le app di Nexi YAP, Nexi Pay e Hype di Banca Sella

L’azienda di pagamenti online ha infatti accorciato i tempi di iscrizione al piano cashback condensando all’interno delle sue piattaforme tutti gli step necessari per l’identificazione dell’utente: basterà infatti scaricare una delle App (YAP, Nexi Pay o Hype) e registrarsi inserendo i propri dati (inclusa la carta d’identità e l’iban) per procedere subito ad un breve riconoscimento video di qualche secondo. Una volta effettuata l’iscrizione, l’utente avrà a disposizione un’area riservata dove vedere il saldo dei suoi pagamenti online e il saldo del cashback accumulato.

I rimborsi avverranno entro i primi mesi del 2021 e verranno direttamente accreditati sul numero di conto inserito all’interno della procedura di iscrizione. A partire dal gennaio 2021, invece, l’asticella si alzerà, prevedendo il rimborso del 10% con un minimo di 50 pagamenti digitali, effettuati ogni 6 mesi.